Tu sei qui

Oggetto: 
A Badia Prataglia, sul crinale tosco romagnolo la "Domenica delle sette merende". Natura, spettacolo e tradizione in chiave carnevalesca.


Data pubblicazione:
Data di pubblicazione: 
Venerdì, 17 Febbraio, 2017
Testo :
Testo completo: 

Le "sette merende" ripercorrono la tradizione carnevalesca del principale centro abitato del Parco nazionale, Badia Prataglia. Dislocato sul crinale tosco-romagnolo e connotato dalla tipica articolazione per castelletti,  sintetizza alcune delle tematiche portanti dell'area protetta: la vita storicamente in rapporto con la foresta e la montagna e l'interscambio con la Romagna, con tutte le espressioni culturali che vi si innestano.
Il programma si apre alle 10 con l'uscita, "per raccontare storie e leggende", lungo "Il sentiero dei castelletti". E' una proposta a partecipazione gratuita.
Per chi volesse prendere parte all'escursione è consigliata la prenotazione in anticipo presso la cooperativa Oros (Francesca Tosi, tel. 335. 7987844).
Alle 15, presso il centro visite del Parco, si svolgerà lo spettacolo di burattini per grandi e piccini “Teatrino dello sguardo”, dell'artista emiliana Sara Goldoni. Il suo "cagnolino che va a nozze" sarà invitato, in omaggio alla caratterizzazione della festa, a mangiare la sua pietanza tipica.
Per le 16 è prevista l'apertura degli stand gastronomici, che saranno a cura della pro loco di Badia Prataglia e verrà servita la tradizionale merenda “uova e salsicce”.
A seguire ci saranno “Balli in maschera e... non”, accompagnati dalla compagine italo-tedesca “I badalischi” della Vallesanta.
L’iniziativa, realizzata per conto del Parco dalla cooperativa Oros, è in collaborazione con il Comune di Poppi, pro loco e commercianti di Badia Prataglia.
Per informazioni si possono contattare l'ufficio informazioni del Parco nazionale (tel. 0575. 503029) o la cooperativa Oros (tel. 335. 7987844).

"Torniamo a investire sulla valorizzazione delle tradizioni del nostro Appennino. Rievocare una manifestazione carnevalesca antica, innestandola con realtà interessanti dello spettacolo, in una giornata aperta a tutti - residenti, visitatori e turisti - vuol dire gettare un ponte tra le generazioni e lavorare per la costruzione del futuro di questi territori". Luca Santini, presidente del Parco nazionale.

 

NEWS

Eventi