Immagine: 

Borse di studio "Pietro Zangheri"

Pietro Zangheri (Forlì 1889- Padova 1982) rappresenta una figura esemplare di naturalista: ha studiato ed esplorato tutto il territorio romagnolo raccogliendo reperti e informazioni utilizzate ancora oggi da studiosi e ricercatori. Fu tra i primi a capire l’importanza ecologica degli ambienti dell’Appennino tosco-romagnolo e l’esigenza di proteggerli attraverso l’istituzione di un’area protetta: parlava di “Parco”, già nei primi decenni del secolo scorso, riferendosi al territorio di Campigna, e fu tra i promotori del Convegno su “La Campigna Parco Naturale” tenutosi a Forlì nel 1971. Per il suo grande contributo alla conoscenza naturalistica del territorio del Parco e dell’intera Romagna, ma soprattutto per il grande lavoro di naturalista che svolse con immensa passione e assoluta dedizione rappresenta un esempio per tutti i giovani che si dedicano alle materie naturalistiche.
Per questi motivi, il Parco Nazionale, oltre ad impegnarsi quotidianamente per ricordare e valorizzare la sua figura, dal 2007 assegna una o più borse di studio, il cui intento è di incentivare i giovani ad approfondire gli studi storico-naturalistici del territorio del Parco e a costruirsi un percorso formativo utile per la propria attività futura. 

Scopri i progetti realizzati nell'ambito delle borse di studio "Pietro Zangheri" a questo link.

 

Borse di studio "Luciano Foglietta"

Luciano Foglietta (1922 Santa Sofia – 2015 Forlì), giornalista, scrittore e storico recentemente scomparso, rappresenta per il territorio dell’Appennino tosco-romagnolo un vero e proprio punto di riferimento dal punto di vista storico e culturale. Nella sua lunga carriera giornalistica e nell’abbondante produzione bibliografica ha studiato e valorizzato l’area della Romagna toscana con numerose ricerche sulla storia e le tradizioni di questi luoghi. 
Grazie alla sua prolifica attività la storia, le tradizioni e la cultura del nostro territorio sono diventate un patrimonio a disposizione di tutti coloro che intendono approfondire questi aspetti. Come riconoscimento all’impegno e al grande lavoro svolto, l’Ente Parco ha deciso di dedicare alla figura di Luciano Foglietta dal 2016 una borsa di studio in ambito storico, culturale ed etnografico.
L’intento è di incentivare i giovani ad approfondire gli studi storici ed etnografici del territorio del Parco e costruirsi un percorso formativo utile per la propria attività futura, il Parco si potrà avvalere del contributo fattivo del borsista nell'ambito del progetto di valorizzazione delle tradizioni e della cultura materiale nel territorio del Parco denominato "I popoli del Parco".

Scopri i progetti realizzati nell'ambito delle borse di studio "Luciano Foglietta" a questo link.